Ansia da futuro e crisi dei 30 anni: leggi la lettera, risponde l’esperto del Consultorio

anxiety 1156248_1280

Tagliato il traguardo dei 30 anni, Sara si sente in ansia per il suo futuro: i soldi sembrano non bastare mai e con loro anche le possibilità di costruire una famiglia si assottigliano. Come superare la paura di un domani incerto? Leggi la sua lettera e la risposta dell’esperto del Consultorio!

Buongiorno,
mi chiamo Sara e ho 30 anni..30 anni che vorrei mi avessero portato maturità ma che in realtà mi hanno fatto solo capire io quanto “bambina” sia rimasta..
sono fidanzata da anni con un ragazzo e da poco siamo andati a convivere (complice anche il fatto che lui ha aperto da poco piu di un anno un’attività e io sono stata presa in contabilità).
Da queste poche righe sembrerebbe tutto normale e sereno..invece chi fa da padrona è la mia ansia mista al pessimismo/negatività che mi contraddistingue.. questo perchè arrivata a 30 anni sono comunque infelice della mia vita, perchè mentre tutte si sposano, fanno figli.. io a malapena riesco a pagare l’affitto..
purtroppo l’aver cominciato a lavorare e a mettere qualcosa da parte a soli 30 anni ha il suo riscontro negativo.. il mio ragazzo i pochi risparmi che aveva li ha investiti in questa nuovo progetto lavorativo e quindi pensare a sposarsi o comprare una casa o fare figli e ancora molto lontana..complice forse la differenza di età’ di soli 3 anni??? non credo..come dicevo sono una persona super ansiosa e questo mi si ripercuote anche a lavoro dove non appena sorge un problema (e quando si apre una nuova attività in questo periodo.. le difficoltà ci sono tutti i giorni!) io non capisco piu nulla e vado fuori di testa, non so gestire l’ansia e l’agitazione che hanno la meglio su di me..ad esempio mi basta leggere una mail di un cliente che si lamenta perchè il suo pagamento è magari in ritardo di qualche giorno.. io vado in crisi totale!! oppure basta che controllo il conto della ditta e lo vedo un “po’ in rosso” per affermare che già siamo in crisi e chiuderemo..e ovviamente tutta questa ansia e pessimismo si ripercuote nel mio raporto di coppia (litighiamo spesso perche io faccio di ogni minima cosa una tragedia..vado in ansia anche perchè arriva una bolletta..) cerco di stare calma, di pensare positivo ma quando lo faccio è matematico che poi succede qualcosa che va tutto storto.. cosa mi consigliate?
io ormai di roseo non vedo piu nulla..

Grazie del tempo concesso

Marisa, assistente sociale risponde

Buongiorno Sara, più che darti consigli mi sorgono alcune domande che potrebbero comunque aiutarti a chiarire alcuni aspetti.
Quale è per te la differenza tra la scelta di convivere e sposarsi? La convivenza non può essere il primo passo per costituire una famiglia? La vostra scelta fa pensare che questo sia il vostro orientamento futuro. A questo punto ciò che ti preoccupa o suscita ansia è realmente l’aspetto di investimento economico o altre preoccupazioni/fragilità che non sai ancora ben decifrare?
Può essere che essendo passati solo sei mesi dall’inizio della convivenza serva più tempo per ritrovare una propria collocazione sia nel rapporto di convivenza, sia nel rapporto di lavoro. Due cambiamenti veramente importanti: il tuo ragazzo è diventato allo stesso tempo compagno e datore di lavoro e sicuramente non è facile gestire questo doppio ruolo.
Se questa situazione continuerà nel tempo a crearti ansia e uno stato di infelicità, credo sia importante che ti rivolga ad un esperto per confrontarti in merito alle scelte fatte che sono sicuramente legate anche alla tua storia personale e che in questo contesto di corrispondenza on line non possono essere approfondite come meriterebbero. Puoi trovare uno psicologo/a in qualsiasi Consultorio Familiare della tua zona.

Spero di esserti stata d’ aiuto

Su 10eLOL dedichiamo uno spazio importante a una collaborazione speciale con il Consultoriogiovani di Mantova – ATS Val Padana.
Il Consultoriogiovani è una grande possibilità per tutti voi di dialogo “virtuale” con esperti, pronti ad aiutarvi in situazioni difficili.

Se anche tu hai un problema che vuoi affrontare con gli esperti, il metodo per parlare con loro è molto semplice! Scrivi una mail a diecielol@gmail.com mettendo come oggetto della email “CONSULTORIO”.

Pubblicato mercoledì 11/05/2016 in , ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

torna su