Pettinature con cerchietti anni 90, le più belle


Le ragazze molto spesso hanno una vera e propria ossessione per i capelli e, a questo proposito, gli anni ’90 ci hanno lasciato in eredità molte idee meravigliose in fatto di moda. Tra queste troviamo sicuramente i cerchietti a pettine. Il cerchietto è un accessorio che vanta una storia lunghissima: lo utilizzavano perfino i greci ed i romani! Per questo motivo oggi vi faremo conoscere le pettinature con cerchietti anni 90, facendovi vedere quali sono le più belle da realizzare in poche e semplici mosse.
ux_a12082300ux0095_ux_g03
I cerchietti a pettine hanno dei dentini molto sottili che ricordano proprio gli strumenti che usiamo per pettinarci i capelli. Sono splendidi perché creano sulla nostra testa un effetto a “doppia texture”: separano la chioma alla radice ma allo stesso tempo lasciano liberi i capelli nella parte finale della nuca facendo in modo che siano effettivamente divisi. I cerchietti in questione possono essere interi, come quello della foto, oppure possono essere dei semi-cerchietti, degli accessori che ricordano un diadema e che sono ideali se come risultato finale si cerca un raccolto bombato oppure una coda anni ’90. 

L’idea in più è quella di scegliere il colore degli accessori in base a quello dei propri capelli, in questo modo sarà naturale concentrarsi sul risultato piuttosto che sul modo in cui il risultato è stato ottenuto.

"American Hustle" New York City Premiere Arrivals
Molte attrici hanno deciso di cedere al fascino delle pettinature con i cerchietti, prima tra tutte Amy Adams alla première del film American Hustle. In questo caso si è scelto di non utilizzare né lacca né gel in modo da lasciare ai capelli totale libertà di movimento. Se vuoi ottenere un risultato più strutturato invece, puoi utilizzare dei prodotti che aiutino a fissare la tua chioma: così facendo la potrai avere sempre sotto controllo. 

Divertiti a sfogliare la nostra gallery e a scoprire le più belle pettinature con cerchietti anni 90 da riproporre sulla tua chioma, cosa aspetti!

Pubblicato giovedì 22/01/2015

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

torna su