La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl, il riassunto

La fabbrica di cioccolato

La fabbrica di cioccolato è il romanzo più famoso di Roald Dahl: il racconto è ispirato alla giovinezza dell’autore quando la ditta produttrice di cioccolato Cadbury spediva ai collegiali delle scatole piene di nuovi tipi di dolci e un foglietto per votare il migliore. Dopo avervi proposto il riassunto di altri grandi classici come Le tigri di Mompracem di Emilio Salgari e Ventimila leghe sotto i mari di Jules Vernes, in questo articolo vi proponiamo il riassunto de La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl. 

Il signor Willy Wonka, il proprietario eccentrico della più grande fabbrica di cioccolato del mondo, ha deciso di aprire le porte della sua fabbrica a cinque fortunati bambini e ai loro genitori. Al fine di scegliere chi entrerà in fabbrica, il signor Wonka escogita un piano per nascondere cinque biglietti d’oro sotto gli involucri delle sue famose tavolette di cioccolato. La ricerca dei cinque biglietti fortunati è velocissima.  

Augustus Gloop, un bambino corpulento il cui unico hobby è quello di mangiare, scarta il primo biglietto, e la sua città gli organizza una parata.  

Veruca Salt, una mocciosa insopportabile, riceve il biglietto successivo da suo padre, che aveva impiegato tutta la fabbrica di sgranatoi di arachidi a scartare barrette di cioccolato fino a che non fosse stato trovato uno dei biglietti vincenti.  

Violetta Beauregarde trova il terzo biglietto durante la pausa dal tentativo di stabilire il record mondiale in gomma da masticare.  

Il quarto biglietto va a Mike Tivù, che, come il suo nome suggerisce, si occupa solo di tutto ciò che riguarda la tv. 

Charlie Bucket sfida ogni previsione nel rivendicare il quinto e ultimo biglietto. Charlie è un ragazzo povero ma virtuoso che vive in una piccola casa con i suoi genitori, il signor e la signora Bucket insieme a tutti e quattro i suoi nonni. Charlie mangia tre volte al giorno, poco per un ragazzo che deve crescere, di conseguenza, è malaticcio e magro. Una volta l’anno, il giorno del suo compleanno, Charlie ha in regalo una barretta di cioccolato Wonka, che assapora per tutti i mesi successivi. La situazione della famiglia Bucket diventa ancora più grave quando il signor Bucket perde il lavoro. Ma un colpo enorme di fortuna colpisce Charlie: un giorno, durante una passeggiata trova un dollaro sepolto nella neve. Decide di usare una parte del denaro per comprarsi un po’ di cioccolato prima di dare il resto alla madre. Dopo aver mangiato la prima tavoletta di cioccolato, Charlie decide di acquistarne un’altra ancora e all’interno della confezione trova il quinto biglietto d’oro.  

Il giorno successivo è quello fissato dal sig. Wonka per l’entrata degli ospiti nella fabbrica di cioccolato ma purtroppo né il signor nè la signora Bucket possono accompagnare Charlie alla fabbrica: il signor Bucket è impegnato a cercare lavoro per mettere il cibo in tavola mentre sua moglie deve prendersi cura dei nonni invalidi. Magicamente però, il più vecchio e il più amato nonno di Charlie, nonno Joe, si alza dal letto per la prima volta dopo decenni: la fortunata scoperta di Charlie lo ha trasformato in un uomo energico e quasi infantile. Nonno Joe e Charlie iniziano così la loro avventura. 

Nella fabbrica di cioccolato, Charlie e il nonno Joe si divertono ad ammirare i suoni, gli odori e, soprattutto, i sapori. Mentre loro sono grati e rispettosi nei confronti del signor Wonka e della sua fabbrica, gli altri quattro bambini soccombono ai propri difetti di carattere e per questo vengono espulsi dalla fabbrica: Augustus Gloop cade nel cioccolato caldo nel tentativo di bere e viene aspirato da uno dei tanti tubi; Veruca Salt, insistendo capricciosamente nell’avere uno degli scoiattoli ammaestrati che lavorano con gli Oompa Loompa, decide di prenderne da sola uno, il quale però la butta nella spazzatura; Violetta Beauregarde collauda una gomma da masticare ancora sperimentale che sfama come un intero pranzo, diventando tutta viola e gonfiandosi come un palloncino; Mike Tivù decide di essere teletrasmesso negli spot televisivi delle tavolette Wonka, permettendo agli spettatori di prenderle dal televisore e mangiarle, nell’operazione il bambino viene rimpicciolito quanto una tavoletta di cioccolato e il direttore chiede agli Oompa Loompa di rimediare alla situazione ma qualcosa va storto e il bambino diventa alto 3 metri. 

Solo Charlie rimane inerme davanti a tutte quelle golosità e Willy Wonka si congratula con lui per la vittoria. Ben presto però scoprono che tutta l’intera giornata è stata un concorso: il premio per il quale i cinque bambini hanno gareggiato senza saperlo era diventare proprietari dell’intera fabbrica di cioccolato che Charlie ha appena vinto.  

Charlie, nonno Joe, e il signor Wonka entrano nel grande ascensore di vetro che esce dalla fabbrica e si dirigono verso casa Bucket per radunare il resto della famiglia e rivelare la novità. Charlie insieme ai suoi genitori e ai suoi nonni, si trasferisce nella fabbrica di cioccolato e aiuta il sig. Wonka a inventare nuovi dolci.

bambinofelice

Questa recensione è consigliata da Bambinofelice.it, nell’articolo sui 15 migliori libri per bambini: per scoprirli tutti, clicca qui e collegati a Bambinofelice.it.

Pubblicato lunedì 17/11/2014 in ,

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

torna su